COLLOQUI E DOMANDE STUPIDE

Sono reduce da un assessment center presso una multinazionale francese.

Ospite in qualità di consulente senior non ho potuto fare a meno di buttare l’occhio sulla check-list utilizzata dai selezionatori che realizzavano i colloqui individuali a questi poveri neolaureati ingiaccacravattati e donzelle intailleurate su improbabili tacchi a spillo.

L’intervista apriva pressappoco così: “mi parli un pò di lei”….  ??! proseguiva con roba del tipo: “perché si è candidato/a presso la nostra azienda”,  “quali sono i suoi pregi e difetti?”… ??!

MA SANTIDDIO!

1) le domande sono scontate e facilmente prevedibili, quindi le risposte sono state altrettanto pre-confezionate, prevedibili e standard senza nulla rivelare sulla reale potenzialità e qualità dei candidati intervistati.

2) non esistono risposte giuste o sbagliate e si corre il rischio di prediligere candidati solamente perché rispondono ciò che volete sentirvi dire.

La prossima volta che un recruiter vi domanderà “dove si vede tra 5 anni?” rispondetegli “IN UN’AZIENDA CHE PONE DOMANDE INTELLIGENTI NELLE INTERVISTE DI SELEZIONE!!!”.

PS: fortunatamente l’intervista faceva parte di un panel più strutturato che prevedeva altri strumenti predittivi più “robusti”.

potresti leggere anche COLLOQUI E DOMANDE STUPIDE 2.0

 

[ SCARICA IL PDF DI QUESTO ARTICOLO ]

Guarda il video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top