MARIO IL MURATORE EROE DEL BUON LAVORO

 

Badabam.. 6:45, “i muratori del cantiere di fronte cominciano presto stamattina, cercheranno il fresco” penso.

7:30 mi rado, dalla finestra del bagno intravedo la sagoma di un muratore su un’impalcatura che ci da dentro con il martello.

13:30 dal terrazzo come un miraggio nel deserto si vede, deforme dal calore, qualcuno si abbarbica su una scaletta, il termometro segna 36 gradi. Scatto una foto.

18:30 esco a correre, sotto il cantiere imbatto un muratore sul metro e sessantacinque intento a sigillare un cancello con un grosso catenaccio, è lui, l’uomo del cantiere.

Ci parlo, si chiama Mario, gli dico che lo vediamo lavorare anche la domenica mattina e lui mi racconta che fa lo straordinario perché tra un paio di giorni ci sarà la gettata e l’armatura dev’essere perfetta, gli tocca.

Ha 52 anni ( uno più di me ma l’usura del mestiere lo fa assomigliare a mio padre) una figlia sposata l’anno scorso ed un figlio all’università. Moglie a carico.

Arriva a guadagnare anche 1800 euro al mese con i quali non si possono lamentare!

Gli stringo la mano e non riesco a salutarlo se non con un “buon lavoro Mario!”.

Da stasera Mario è il mio eroe, l’eroe del Buon Lavoro, del “LAVORO BUONO”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top