NESSUNO TI AMERA’ PER IL TUO LAVORO

La principale preoccupazione dopo quella di trovare un lavoro sembra essere quella di perderlo.

Penso che l’errore principale sia dovuto al fatto che siamo cresciuti nella credenza di doverci misurare con quello che “facciamo” e trarre da ciò le principali gratificazioni, trascurando spesso invece quello che “siamo”, al netto naturalmente di poterci in qualche modo mantenere.

Paura e ansia = incremento del tempo dedicato al lavoro e alle aspettative professionali = aumento paura e ansia di perderlo = loop. Ma tu non sei solo il ragioniere Giuseppe Rossi sei anche padre, figlio, tennista, pescatore, volontario…. e mille altre cose.

Cose più importanti.

Quando penso ai miei cari che non ci sono più non li ricordo per il lavoro che svolgevano ma ho impressi nella memoria indimenticabili istanti di vita che nulla avevano a che fare con il mio o il loro lavoro.

Tu sei e sarai sempre “tu” e per le persone che contano davvero questo basta.

Nessuno ti amerà o si ricorderà di te per il tuo lavoro.

Non sei d’accordo?

2 Responses

  1. Dr Rosa nessuno come lei è in grado di trattare certi argomenti con la sincerità e scaltrezza da far vibrare i polsi.
    Non riescoa smettere di leggere…
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top