AMA IL TUO DIPENDENTE COME TE STESSO

Le persone si licenziano da altre persone, non dalle aziende, abbandonano i capi dispotici e maleducati, non le scrivanie.

Questo è il pensiero che mi frulla in testa all’uscita dall’ennesima riunione infruttuosa (economicamente) con la responsabile delle risorse umane di una piccola azienda langarola specializzata nella lavorazione delle nocciole.

Il primo incontro con loro lo ebbi a dicembre dello scorso anno e l’argomento fu quello di un mio possibile intervento per la sostituzione di un Responsabile Ricerca e Sviluppo che avrebbe potuto a breve lasciare l’azienda a causa di un trasferimento famigliare.

Da allora ci sentimmo quasi tutti i mesi ma questo licenziamento non avvenne mai.

L’incarico di conseguenza non lo acquisii, ma ebbi modo di conoscere da vicino una bellissima realtà a conduzione famigliare dove le persone manifestano con entusiasmo il loro attaccamento all’azienda. Il turn over dei dipendenti è principalmente una questione di cattivo management.

Per aziende costruite con l’alchimia composta da ingredienti potenti come: rispetto, empatia e reale apprezzamento, non esiste crisi, sono macchine da guerra in grado di sopravvivere e prosperare sempre.

Non sei d’accordo?

[ SCARICA IL PDF DELL’ARTICOLO ]

3 Responses

  1. Ho la fortuna di lavorare da oltre 20 anni presso un0’azienda famigliare dove queste caratteristiche sono la base del rapporto con i dipendenti. Nessuna crisi, nessuno sciopero e grande spirito di gruppo ha sempre contraddistinto la nostra grande azienda-famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top